Dubhe (alpha)

Non c’è una seconda volta
dove la prima ha compiuto il balzo
di luce un presagio
e di buio un bagliore fine.

Sofia fissa la rete bianca
come si fissano le sirene
che cantano di tempeste e marinai
di rotte verso l’isola di Tupai.
Lei lo sa
il mondo non sta negli occhi
ma lo senti dentro
come fosse filigrana argentea
o i capillari nelle dita controluce

perché a volte la paura accade
di sentirsi una gabbia vuota
di sentirsi a terra
costretta a veder spiccare voli

eppure basterebbe poco ;
un soffio di maestrale, un salto nel buio
il beccheggio di una nave.

Informazioni su Gianluca Corbellini


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: