Senza titolo

E poi non rimane che un verbo imperfetto
di quelli che sembrano pesare una luna
che proprio non riesci a sostenere

difficile
come trovare l’uscita d’emergenza
un’ostia di vento
due ginocchia sane dopo la preghiera

per pregare cosa poi
che due gradi di latitudini traverse
diventino premonizioni
pezzi da collezionisti di pioggia
e vecchi ombrelli

spigolature, penserai
come tralasciare le ferite
di un mancato coraggio
degli occhi, tenuti chiusi
proprio sul lascito di un cielo aperto

perché vedi, ciò che non si dice
è una lontananza parallela
come quando i quattro cantoni erano occupati
e io, rimanevo da solo nel centro

Informazioni su Gianluca Corbellini


10 responses to “Senza titolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: