Ci fermiamo

Per molto tempo questo blog l’ho considerato una coperta, dove poter riparare tutti quegli stati d’animo che ogni volta mi venivano a sorprendere.

Con il tempo è divenuto una famiglia, un microcosmo cheha ospitato non solo le mie sensazioni ma anche quelle degli altri. Mi sono sentito un guardiano delle emozioni che gelosamente ha sempre cercato di preservare gli altri oltre se stesso. Chi mi conosce bene sa che non amo l’ostentazione intellettiva a tutti i costi, anche perché non credo che il sapere debba essere una paratia e nemmeno credo che l’intelligenza più arguta sia al riparo dalla stupidità.

Due anni fa è cominciato un piccolo percorso poetico in un sito generalista. Fortunatamente ci ho messo poco a capire i meccanismi idioti delle persone. La poesia non si inventa e nemmeno si offende. Proprio per questa enorme voglia di esserci che i versi sono diventati alla stregua di un enorme grande fratello televisivo, con tutto il bagaglio melmoso che ne consegue.

Diciamoci la verità scrivere non è per niente facile. Non basta buttare due o tre frasi, magari rubate all’ultimo lavoro di Eros Ramazzotti, per definire poesia un semplice scritto.

Però è anche vero che stare a puntualizzare il rispetto per la scrittura e tirarmi fuori, sarebbe come fare un discorso fazioso e poco credibile.

Ho sempre creduto nella ribellione come forma di lotta per dei sistemi che si radicalizzano nella società. Strati e strati di terriccio che provocano soffocamenti a dir poco ripetuti nel tempo.

Tutto questo per dire che io stesso per primo decido di fermarmi.

Quel che ho conosciuto in questi due anni è ciò che rivedo nella realtà e non mi piace. Sarà forse la mia misantropia o forse solo una sana consapevolezza del presente ma dovermi confrontare con un mondo che non mi piace mi destabilizza alquanto. Sia chiaro non parlo dell’ intero emisfero letterario, perché la poesia mi ha dato la possibilità di conoscere gente adorabile, qualcuno nel tempo è diventato persino un amico.

Questo non vuol dire che non tornerò più, la vita sarà a decidere perché non si smette di scrivere mai del tutto.

Ringrazio chi mi ha seguito in modo quasi idealistico, senza fare nomi o proclami. Un grazie speciale a chi non c’è più, perché credo di dovere a lei quel poco di autore che sono diventato…

Vedi, i cerchi in un modo o nell’altro si chiudono sempre

Ringrazio Consuelo che ha sopportato e supportato la mia scrittura, vi assicura che quei spiccioli di premi vinti sono il frutto delle sue lunghe ore di fila alle poste…e infine ringrazio Sofia e Camilla che magari un giorno saranno artefici della mia rimpatriata .

Arrivederci a tutti

Informazioni su Gianluca Corbellini


8 responses to “Ci fermiamo

  • annagrazia

    Arrivederci, poeta. Rispetto la tua decisione anche se mi dispiace. Grazie per le emozioni che mi hai dato. Credo e spero di ritrovarti.

  • Enrica

    Arrivederci non entro nelle decisioni ma lavorando nel campo editoriale capisco molti passaggi del tuo intervento. Semmai un giorno tornassi saró lieta di leggerti di nuovo. Anche a me hai regalato grandi emozioni. Ciao poeta con la P maiuscola!

  • Fiorella D'Errico

    Comprendo il detto e il non – detto. Hai bisogno di questo, adesso, e te lo prendi: servirà alla tua crescita interiore. Domani cambierà, ne sono certa.
    A presto.

  • Mary Simonetti

    una pausa serve a tutti..ritornerai, ne sono certa.
    M.

  • Fulvio Sguerso

    Per un Poeta – come anche per un compositore – i silenzi e le pause sono parte integrante dell’opera che ininterrottamente si svolge, anche se non appare. E questo mi sembra proprio il tuo caso, caro amico (ancorché virtuale) Gianluca.
    Dunque spero anch’io di rileggerti, prima o poi, qui o altrove.
    F. S.

  • morfea

    arrivo tardi.
    mi sento molto bianconigliA, ora.
    rispetto la tua decisione…

    ma come dice mary so che tornerai…
    un bacio a te, consuelo, alle tue figlie e a chi non c’è più.
    perchè pesa l’assenza, manca nel sempre

  • cristina bove

    sono arrivata tardi
    ero venuta a leggere Poesia.

    Va bene, aspetterò che torni.
    cb

  • Cettina Lascia Cirinnà

    …anch’io, aspetteremo che torni, intanto ti rileggiamo –
    Un saluto da Cettina.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: