Archivi del mese: giugno 2011

Ci fermiamo

Per molto tempo questo blog l’ho considerato una coperta, dove poter riparare tutti quegli stati d’animo che ogni volta mi venivano a sorprendere.

Con il tempo è divenuto una famiglia, un microcosmo cheha ospitato non solo le mie sensazioni ma anche quelle degli altri. Mi sono sentito un guardiano delle emozioni che gelosamente ha sempre cercato di preservare gli altri oltre se stesso. Chi mi conosce bene sa che non amo l’ostentazione intellettiva a tutti i costi, anche perché non credo che il sapere debba essere una paratia e nemmeno credo che l’intelligenza più arguta sia al riparo dalla stupidità.

Due anni fa è cominciato un piccolo percorso poetico in un sito generalista. Fortunatamente ci ho messo poco a capire i meccanismi idioti delle persone. La poesia non si inventa e nemmeno si offende. Proprio per questa enorme voglia di esserci che i versi sono diventati alla stregua di un enorme grande fratello televisivo, con tutto il bagaglio melmoso che ne consegue.

Diciamoci la verità scrivere non è per niente facile. Non basta buttare due o tre frasi, magari rubate all’ultimo lavoro di Eros Ramazzotti, per definire poesia un semplice scritto.

Però è anche vero che stare a puntualizzare il rispetto per la scrittura e tirarmi fuori, sarebbe come fare un discorso fazioso e poco credibile.

Ho sempre creduto nella ribellione come forma di lotta per dei sistemi che si radicalizzano nella società. Strati e strati di terriccio che provocano soffocamenti a dir poco ripetuti nel tempo.

Tutto questo per dire che io stesso per primo decido di fermarmi.

Quel che ho conosciuto in questi due anni è ciò che rivedo nella realtà e non mi piace. Sarà forse la mia misantropia o forse solo una sana consapevolezza del presente ma dovermi confrontare con un mondo che non mi piace mi destabilizza alquanto. Sia chiaro non parlo dell’ intero emisfero letterario, perché la poesia mi ha dato la possibilità di conoscere gente adorabile, qualcuno nel tempo è diventato persino un amico.

Questo non vuol dire che non tornerò più, la vita sarà a decidere perché non si smette di scrivere mai del tutto.

Ringrazio chi mi ha seguito in modo quasi idealistico, senza fare nomi o proclami. Un grazie speciale a chi non c’è più, perché credo di dovere a lei quel poco di autore che sono diventato…

Vedi, i cerchi in un modo o nell’altro si chiudono sempre

Ringrazio Consuelo che ha sopportato e supportato la mia scrittura, vi assicura che quei spiccioli di premi vinti sono il frutto delle sue lunghe ore di fila alle poste…e infine ringrazio Sofia e Camilla che magari un giorno saranno artefici della mia rimpatriata .

Arrivederci a tutti


in oriente

E sembra solo ieri ;
quella distanza
che diventa polvere

come se il vento girasse le spalle
fatte di carta
toccandole soltanto a parole

ci penso sai

ai peccati di bali
tra le reti incagliate
e i gusci di noce

alle lunghe giraffe
con i cerchi d’ottone
di migranti tra il fango e la sete

non mi resta
che un ramo di pane
la voglia di cielo
e un libro
che mi chiama la fine
ma non la vuole

immaginarti silenziosa
sui tetti
che prima cadono
e poi prendono fuoco

 

Sono tornato a scrivere in un sito il più tosto della rete) per imparare ad asciugare i versi perché il mio percorso deve necessariamente crescere e non fermarsi. Vi postoquesta rivisitazione che è praticamente nuova


Vanna Carlucci

Autore : Vanna Carlucci

Titolo : Senza titolo

Schiusa nel tuo ventre
sospiro un bacio.

In sottofondo definirci un istante alare
e piegarmi di bianco
sulla soglia, quando entri;
sei l’inverno che ti resta infranto
come un ricordo cucito a morsi
ma io spiro sui tuoi polsi in un giorno autunnale quando il vento torna in circolo per la sua ultima foglia.

 
Vanna la potete leggere qui sul suo blog ne vale la pena

Amara

Autore : Amara

Titolo : L’illusione nei capelli

Autore: amara

insieme alle folate fresche
che tirano il mare di blupolvere e cobalto
scivolano via -dalla punta dei capelli alianti –
gli anni
che puoi giurare di averne venti

è in giornate così
nitide di luce
come quando indovini le lenti
che tutto sembra ancora poter accadere
lungo la strada di curve
a strapiombo sull’acqua

Ricomincio ad ospitare autori. Amara la potrete trovare ai link in basso

http://www.gentechescrive.com/testi/testi_autore.php?id_utente=3956

http://amara.scrivere.info/


Di solito non amo pubblicizzare le vittorie ai concorsi, ma questa volta mi sembra giusto ringraziare le edizioni Smasher che mi hanno scelto per la pubblicazione di 4 mie poesie.

Per quanto riguarda il mio percorso poetico, sono tornato a scrivere ma più che altro ad imparare la scrittura.

Qui il link del concorso http://www.edizionismasher.it/component/content/article/1/106-ulterioramirariesito.html


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: