Una nuvola qualunque

Sono state forse le consuetudini
a fermare le distanze fra le porte
quelle che si bussano continuamente
come a cercare di risorgere fra gli stipiti
(perché raccogliere anime è un mestiere da mendicanti)
tra gli spazi riempiti di saliva e polvere

a volte è difficile scalarmi i polsi
dividere le tracce in un’onda incondizionata
e poi chiudere finalmente gli occhi
cercando il giusto prezzo da pagare
quel poco di umanità rimasta
perché certe scale sono un’occasione
di rimanere incastonato nella fronte.

è tempo di riportarmi dalle libellule
nelle fluorescenze delle ali che mi donano
scartando i coni di spine audaci
che cercano di penetrare la carne
oppure seguire la natura delle cose
derivare tra i castagni e gridare al cielo
fino a toccare l’atmosfera ed oltre.

troppo difficile vedermi in questa luce
senza mietere il grano dei giusti pesi
e scendere da questa balaustra di cotone
che sembra invitarmi al volo cieco
(come saper suonare il perdono dei vinti)
per ritrovare un suggerimento dall’alto
un sole caldo o una nuvola qualunque.

Informazioni su Gianluca Corbellini


10 responses to “Una nuvola qualunque

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: