Atomi di sabbia

Non domandarmi in quale giorno
forse un domani travestito da ieri
mentre svuotiamo le tasche dal tempo
per intuire il labiale sui muri
(come trapezi di luce in penombra)
dove le superfici non bastano o quasi
a contenere gli atomi nostri

non importa quanto lentamente
ma riusciremo a ferire la terra
con orgasmi ciechi di sole, che fanno male
come i muezzin delle cinque
perché le mancanze sono finestre di sabbia
cambiano forma col vento
ma poi rimangono sempre le stesse.

lo sai che di foreste buie si muore
per mezzo volo sbilenco
rovinato, tra un passo falso e un presentimento ;
che i re magi portano vuoti in bottiglia
senza sostenere una scelta
mentre tutto finisce sotto le foglie
anche la solitudine.

Informazioni su Gianluca Corbellini


10 responses to “Atomi di sabbia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: