Culle di Giuda

E poi mi trovo a riparare una solitudine meccanica
a saziare sciarade tra i mattoni di un Tetris.

Le scelte hanno le catene dentro.

Maglie vincolate a schiavitù metalliche
che nascondono aguzze utopie
violate culle di Giuda, in cui crepar è assoluzione.

L’utero mi protegge dal freddo del rancore
l’ala negata si piega nel respiro
è troppa la paura di divenir farfalla
è improvviso lo sgomento di saper volare.

Informazioni su Gianluca Corbellini


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: